mercoledì 11 settembre 2013

Informatica nella pubblica amministrazione ne parla Luca Attias

Tempo fa abbiamo parlato del Dott. Luca Attias, qui http://settecamini.blogspot.it/2013/07/informatica-nella-pubblica.html la notizia, che abbiamo avuto modo di conoscerlo  per quanto riguarda il progetto "L'angolo del Computer"  http://settecamini.blogspot.it/2013/03/langolo-del-computer-una-vera-realta.html ) e speriamo di averlo con noi durante l'evento del 18 ottobre 2013.

Tramite un commento (di Veronica) abbiamo scoperto un video in cui il Dott. Luca Attias http://www.innovatv.it/video/2767932/luca-attias/future-government-quale-amministrazione-l-italia-del-2020 parla della pubblica amministrazione in ambito IT (Information Technology) , un video che consigliamo di vedere per i contenuti e l'esposizione, davvero un ottimo intervento.

48 commenti:

  1. Volevo segnalare un editoriale del Presidente del Forum PA in cui si parla della cultura informatica e di Luca Attias:
    http://saperi.forumpa.it/story/74923/la-strategia-dellignoranza

    RispondiElimina
  2. una performance veramente eccezionale, ad avercene di dirigenti così, l'Italia sarebbe un Paese diverso.

    RispondiElimina
  3. ci fossero politici in Italia con le capacità dell'ingegnere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci fossero poltici con le capacità e basta !

      Elimina
  4. Grandissimo video ! grazie per la segnalazione !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gennaro, qui http://settecamini.blogspot.it/2013/07/informatica-nella-pubblica.html trovi altri riferimenti su Luca Attias, davvero un grande uomo.
      Onorati di averlo conosciuto.

      Elimina
    2. Guardatevi la slide numero 9 della presentazione dell'ing Attias nella quale ci sono perle di saggezza mai viste prima. Capire ne profondo quella slide significa essere a metà strada prima di arrivare a diventare un buon manager informatico.

      Elimina
    3. dovrebbero proiettarla nelle scuole !

      Elimina
    4. BRAVISSIMO !

      Elimina
  5. Occasione sprecata


    La civiltà di un Paese si misura anche dal grado di digitalizzazione raggiunto
    Doveva e poteva essere un a frase storica a cui dare il giusto tributo e l'utile risalto mediatico, ma come nella peggior tradizione del nostro Paese è stata solamente l'ennesima occasione sprecata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non essere troppo pessimista, la situazione è vero che è difficile, ma l'eco che ha avuto e sta avendo l'intervento dell'ing. Attias secondo me invece fa ben sperare.

      Elimina
  6. Un apetto che mi sento di aggiungere è che il grido d'allarme lanciato da Luca Attias non è rivolto solo ai politici o ai dipendenti pubblici ma a tutti indistintamente. Per esempio una parte consistente dei lettori del portale del Forum PA immagino sia costituito dalle aziende di informatica che operano nel settore pubblico, credo che anche da loro (se non altro per motivi finanziari e di futura sopravvivenza) debba arrivare un contributo importante nella direzione segnata dall'ingegnere, contributo che al momento sinceramente stento a percepire.

    RispondiElimina
  7. Il filosofo digitale di Attias ha ragione
    Nell’ambito di uno studio informale sui talenti che sono necessari per ottenere successo nel business, l’incompetenza digitale emerge come l’elemento negativo principale da cui le imprese devono oggi guardarsi.
    Non curandosene potrebbero infatti ritrovarsi, entro i prossimi quattro anni, nel poco invidiabile insieme del 25% aziende che potrebbero essere spiazzate dalla competizione.
    Questa è la previsione che fanno gli analisti di Gartner elaborando i risultati di un recente survey fatto su un campione di circa 150 tra responsabili delle decisioni strategiche d'impresa e impegnati nelle attività di ricerca, acquisizione e sviluppo del personale. Persone che, al 90%, condividono l'opinione che la competizione per il talento sia destinata a crescere nei prossimi anni, poiché sara sempre più vitale per il successo nel digital business.
    "Entro i prossimi 10 anni verrà superata l'attuale concezione della tecnologia come mezzo per automatizzare i business, creare nuovi mercati, fonti di incassi, oppure per ricercare consumatori" – spiega Diane Morello, managing vice president di Gartner - "Solo allora il business digitale sarà realtà e sarà visibile l’impatto creato dai nuovi business model che trasformeranno interi settori d’industria in senso digitale, cambiando i modi con cui le persone si applicano nel loro lavoro”.
    Un contesto in cui ci sarà sempre più spazio per l'arricchimento delle competenze e dei servizi aziendali con competenze e risorse che provengono dall'esterno, come nel caso dei servizi cloud e di outsourcing.
    Avviare il business digitale
    Un'efficace strategia per il digital business è in grado di creare valore per l'azienda a partire dagli asset digitali, sviluppando il potenziale dei nuovi processi e dei modelli di business che sono basati sulla connessione tra sistemi, persone, luoghi e cose. Il business digitale parla una lingua moderna che è comune in tutto il Globo e per questo si distingue da linguaggi, tradizioni e modi di lavorare tipici delle realtà locali.
    Per l’avvio di un’attività di digital business, Gartner raccomanda d'identificare gli operatori strategici, i possessori di esperienza tecnologica e business che sono all’interno e fuori dall’impresa coinvolgendoli nella creazione di comunità e di quant’altro possa arricchire il contatto tra le persone che lavorano nelle diverse aree del business.
    Il CIO deve saper scegliere e gestire persone che hanno talenti diversi e trarre vantaggio dall’ecosistema globale della rete per costruire l’esperienza che occorre.
    L’ambizione di ottenere maggiori introiti attraverso il business digitale rischia di restare sulla carta se CIO e senior executive ignoreranno le sfide culturali e organizzative del business digitale. Un’opportunità importante deriva dalla possibilità di poter attingere oltre i confini aziendali all’esperienza che serve per risolvere specifici problemi e sperimentare nuove modalità di lavorare.
    La domanda di esperienza nel business digitale offre l’opportunità per CIO e responsabili delle relazioni umane per creare una più robusta alleanza in grado di aiutare il funzionamento dell’intera azienda. I CIO possono fare un lavoro migliore se sono supportati più efficacemente dalle controparti che si occupano delle risorse umane.
    Un aspetto importante infine è il ridisegno dei programmi di formazione in funzione della costruzione delle nuove capacità digitali, dell'acquisizione e dello sviluppo di persone adatte a far parte di team versatili e multidisciplinari.

    RispondiElimina
  8. molto molto interessante !, brava Francesca !

    RispondiElimina
  9. Come dire "senza l'informatica non si campa più" !

    RispondiElimina
  10. Nel suo keynote di fatto l'ing. Attias spiega anche come oggi l’alfabetizzazione informatica vada intesa non come capacità di saper usare un computer (come accadeva un tempo), ma come abilità di saper integrare in maniera fluida e senza attriti la tecnologia nella vita quotidiana ed è per tale motivo che si tratta di qualcosa da cui comunque non si può prescindere.

    RispondiElimina
  11. è proprio così e l'Italia sembra l'unico Paese Europeo a non averlo ancora compreso e per questo siamo in fondo a tutte le classifiche

    RispondiElimina
  12. Ecco cosa ne pensa dell'informatica il Ministro Carrozza:
    Sul tema dell'educazione digitale, il ministro dell'Istruzione, Maria Chiara Carrozza, non è favorevole all'introduzione di ore specifiche dedicate alla materia, ma "ad attività trasversali. Ci sono molti progetti ma non si tratta di una disciplina vera e propria", ha sostenuto a margine del convegno "Educare alla rete", organizzato dal Garante per la protezione dei dati personali, in occasione della Giornata europea della protezione dei dati personali.
    Dunque, ha ribadito il ministro, "no all'introduzione di nuove discipline. La tecnologia digitale è un mezzo e tutte le materie devono avvalersene, come fu per il libro stampato sul quale si basò il sistema scolastico dell'Ottocento".
    Intervenendo al convegno, Carrozza ha proseguito sottolineando come quello dell'educazione digitale sia un tema che non riguarda solo gli studenti ma tutti i cittadini e, per questo, si può considerare un ampliamento dell'educazione civica".
    Un aspetto molto importante di questo fenomeno, ha sottolineato il ministro, è quello della "preparazione a un'etica dell'utilizzo della tecnologia digitale, sia come utenti che come fornitori dei servizi". Ma la rivoluzione digitale non può dirsi completa se anche lo Stato, la pubblica amministrazione non la accolgono e non si adeguano alle nuove tecnologie, modificando il sistema e formando coloro che opereranno all'interno delle istituzioni e delle amministrazioni pubbliche.

    Egregio Ministro Carrozza mi spiega perchè le facoltà di informatica, scienza dell'informazione, ingegneria informatica sono le più frequentate nel mondo ? Non sarà che la nostra scuola è in queste condizioni anche perchè è quella in Europa con meno ore dedicate all'insegnamento del digitale ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto difficile migliorare un paese quando le scelte politeche sono errate, ma non per ciò, che i cittadini si devono arrendere.
      Anzi, ritengo che sia motivo di dimostrare il contrario, per questo il nostro progetto, quello di realizzare sale computer a costo zero è sempre attivo e vivo, perchè la cultura informatica non si fermi mai.

      Elimina
    2. ma questo non può essere il ministro dell'istruzione, è il ministro dell'ignoranza !

      Elimina
    3. Hanno chiuso il blog dell'ing. Attias. Dai e dai ci sono riusciti

      Elimina
    4. Non è proprio così, vi invito a visitare il nuovo blog del Forum PA riguardante Luca Attias e ad alimentarne la discussione.

      Elimina
    5. Ha ragione Gilberto

      Elimina
    6. secondo me adesso è meglio di prima !

      Elimina
  13. Fate vedere al Ministro la presentazione di Luca Attias

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna adesso si cambierà Ministro

      Elimina
  14. Uno degli aspetti che secondo me va sottolineato degli iinteventi di Attias al forum Pa è che lui è un ingenere informatico, cioè un tecnologo, che però non pensa che l'innovazione sia un mero problema tecnologico o informatico. Chi la pensa in modo diverso non ha minimamente chiaro cosa sia l'informatica e a cosa serve. La tecnologia è un mero strumento, se non supportata da una forte attenzione all'organizzazione, al cambiamento dei processi, alla gestione delle risorse umane e quindi alle persone può essere inutile se non dannosa (oltre che costosa).

    RispondiElimina
  15. Sapete se Luca Attias sarà presente anche al prossimo Forum PA ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona,
      al momento non sappiamo se Luca Attias parteciperà al Forum PA, non appena lo sappiamo verrà comunicato.
      Grazie.

      Elimina
    2. speriamo di si è una delle poche persone che vale la pena andare a sentire

      Elimina
    3. Pare che l'ing. Attias sarà presente e parlerà di corruzione.

      Elimina
    4. Sono proprio curiso di sentirlo !

      Elimina
  16. Non appena avrete contezza di quando e dove parlerà ce lo potete far sapere................. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rossana,
      appena abbiamo qualche informazione in più la troverai nel portale e qui nei commenti.
      Grazie Emanuele

      Elimina
  17. Il programma del prossimo Forum PA dovrebbe già essere su internet.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sembra sia previsto un intervento dell'ing. Attias.

      Elimina
  18. La praticità di molte delle proposte dell'ing. Attias di un anno fa è in perfetta sintonia con l'attuale azione di Governo. Le due cose dovrebbero essere messe in qualche modo in collegamento, se c'è qualcuno che può farsi carico di creare questo link si adoperi perchè questo è il momento propizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ivan,
      io faccio sempre riferimento a Luca Attias, è un faro per il nostro paese.
      Speriamo che il governo si accorga di lui.
      Ciao Emanuele

      Elimina
    2. Guardate quale frase viene citata nell'articolo ...............

      http://smartinnovation.forumpa.it/story/75639/investire-conoscenza-innovare-il-futuro?utm_source=newsletter&utm_medium=smartinnovation&utm_campaign=MAILUP

      Elimina
  19. L'incapacità di gestire in modo corretto le risorse umane da parte della dirigenza pubblica è uno dei problemi più grandi che deve affrontare la Pubblica Amministrazione italiana.

    RispondiElimina
  20. Ritengo Graziano Del Rio una delle persone più preparate e oneste nel panorama politico attuale, come da anni considero l'ing. Attias il manager più preparato e onesto della PA italiana. Avendo identificato un seminario del Forum PA in cui Del Rio appare come ospite d'onore, mi sembrerebbe una buona idea organizzare un incontro tra i due.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberto,
      penso che sarebbe bello una sessione tra i due al Forum PA, se riesci ad organizzare, facci sapere, che oltre a venire ne daremo notizia.
      Grazie Emanuele

      Elimina
  21. Ho letto da un'altra parte che probabilmente l'ing. Attias parteciperà al prossimo Forum PA. Ne sapete niente ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuela, ecco qui http://settecamini.blogspot.it/2014/05/luca-attias-al-forum-pa-2014.html il 27 maggio partecipazione dell'ing. Luca Attias.

      Elimina
  22. Ma alla fine si sa se Attias parteciperà alprossimo Forum ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Irene,
      si Luca Attias pateciperà al Forum PA, qui http://settecamini.blogspot.it/2014/05/luca-attias-al-forum-pa-2014.html la notizia.
      Ciao Emanuele

      Elimina
  23. Forse può interessare sapere che sul sito del Forum PA hanno pubblicato l'annuncio che Luca Attias ci sarà anche quest'anno e che intervisterà il Ministro della Funzione Pubblica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui http://settecamini.blogspot.it/2014/05/luca-attias-al-forum-pa-2014.html la notizia del grande Luca Attias. Io mi sono già iscritto e vi invito a farlo.

      Elimina