giovedì 15 novembre 2018

Quando la parola emoziona


 
Nella splendida cornice della libreria Mondadori, in pieno centro a Roma, sabato 10 novembre, si è tenuta a battesimo la seconda fatica di Andrea Lepone. Un nuovo libro di poesie dal titolo Riflessioni in chiaroscuro.

I circa sessanta intervenuti sono stati partecipi di una bella presentazione che ha fatto emergere, ancora una volta, l’impegno del giovane scrittore romano.

La casa editrice, La Macina Onlus, era presente con il suo presidente, il Dott. Piero Casoli.

In apertura d’incontro l’editore ha ribadito la scelta fatta nel promuovere questo nuovo lavoro di Andrea perché, oltre a tracciare un cammino poetico nuovo, originale ed interessante, l’Autore è anche diventato loro costante punto di riferimento nel tracciare percorsi di impegno sociale che la Macina Onlus da tempo sta portando avanti per  promuovere cultura e solidarietà.

L’incontro, sapientemente orchestrato da Luca Basiliotti, giornalista e direttore del periodico “Universitario Roma”, si è snodato tra interventi dello stesso Andrea Lepone e del filosofo e giornalista Angelo Nardi, autore tra l’altro della prefazione del libro presentato.

Certamente gli interventi dei due amabili e bravissimi attori, Donatella Belli e Tony Fusaro, che hanno letto alcune liriche presenti nel libro, hanno regalato alla serata un qualcosa di magico, creando un’atmosfera di silenzi, attese sospese e suggestioni.

Dall’intervista, ben articolata e completa, che Luca Basiliotti ha riservato all’autore, è emerso il forte bisogno, da parte di Andrea, di dar voce in modo sempre più marcato al proprio “ Io interiore” cercando di promuovere e suscitare  nei lettori messaggi  e sensazioni che toccassero le corde più nascoste dell’animo umano.

Andrea ha avuto modo, durante i suoi composti, puntuali e chiari interventi, di delineare le caratteristiche del suo poetare tracciando anche quelle che sono le analogie e le differenze con i componimenti del libro precedente, Poesie di una mente silenziosa.

Al filosofo Angelo Nardi è toccato l’arduo compito dell’analisi filologica del testo. Compito che ha assolto in maniera egregia, stimolando ed accompagnando il pubblico presente verso riflessioni esistenziali complesse ed importanti, ma espresse sempre con un linguaggio comprensibile e avvolgente.

Il “viaggio imprescindibile” che lo stesso Andrea, attraverso i suoi scritti poetici, si era chiamato a percorrere nelle sue prime composizioni poetiche, con questo nuovo libro si è decisamente dilatato, modificato e arricchito, riuscendo a dar vita e voce, con testi e forme nuove, ai più diversi momenti dell’esistere quotidiano. Il forte carattere esistenzialista, riscontrabile in questa sua ultima produzione poetica, sembra quindi proiettarsi nel bisogno di porgere sempre nuovi oggetti comunicativi anche verso le nuove generazioni, che lui tenta di avvicinare alla lettura dei suoi testi  giocando anche su strutture duttili ed originali, con concetti bidimensionali, comprensibili ad una platea veramente eterogenea e non solo per età anagrafica.

E che dire del phatos che Donatella e Tony, i due amabilissimi attori presenti, hanno disegnato tra i presenti incorniciando le parole delle poesie di Andrea in un'atmosfera sospesa dove l’emozione verso ciò che veniva letto e recitato si avviava, con sempre maggiore forza, verso una generale e condivisa emozione.

I ripetuti applausi non sono stati altro che la vera cartina tornasole di continui messaggi poetici che di volta in volta suscitavano forti e belle emozioni.

Un appuntamento, quello di sabato 10 novembre, che i presenti non scorderanno facilmente. Rimarranno impresse nella memoria di tutti le dolci e leggere parole di poesia che sono andate a disegnare l’anima nobile, sensibile e vera di un poeta, Andrea Lepone, che entra ormai a pieno diritto nello scenario poetico italiano.

Un libro da non perdere, da leggere ad occhi aperti per poi chiuderli e lasciarsi cullare dalle proprie emozioni.
 
 
 




 

mercoledì 14 novembre 2018

Il nuovo commissario al digitale si presenta

Go to the profile of Luca Attias

Conosciamo bene L’ing Luca Attias che seguiamo da diversi anni e che ogni volta siamo andati a vederlo nelle sue conferenze, siamo rimasti sempre colpiti da questo modo di comunicare ma soprattutto far comprendere vari aspetti del nostro paese.
Ora commissario alla trasformazione digitale, per un incarico temporaneo, si presenta alle persone con una delle sue bellissime esposizione, e lo fa con la classe delicatezza e soprattutto comprensione che siamo abituati a vedere.
Come in ogni conferenza ed articolo, anche in questo caso, restiamo colpiti da tale coinvolgimento, ed invitiamo i lettori a leggere il suo primo articolo da “Commissario”.
L’articolo può essere consultato al seguente sito https://medium.com/team-per-la-trasformazione-digitale/luca-attias-commissario-agenda-digitale-consigli-a-se-stesso-206c2ea67fd9

domenica 11 novembre 2018

sito comitato Casal Brunori

Altro sito di quartiere, e precisamente del quartiere Casal Brunori nel municipio IX, nel quale è attivo con iniziative per il quartiere.
Qui http://www.casalbrunori.org/ il sito del loro comitato.

sabato 10 novembre 2018

sito di quartiere comitato di quartiere Trigoria

Per la rubrica siti di quartiere, oggi segnalo quello riguardante il comitato di quartiere Trigoria, visibile qui http://www.trigoriaonline.it/ nel IX municipio.

venerdì 9 novembre 2018

Sito di quartiere Conca D'Oro - Gli Amici di Conca D'Oro - APS

Da oggi apre una nuova sezione, con l'obiettivo di far conoscere siti nel quale i vari comitati ed associazioni raccontano del loro quartiere.
Iniziamo con il sito del quartiere Conca D'Oro, visibile qui http://concadororoma.blogspot.com/

venerdì 2 novembre 2018

Luca Attias nuovo Commissario Straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale

Luca Attias

Ci fa molto ma molto piacere leggere la notizia che in questi giorni sta girando sulle varie testate giornalistiche e sul web del nuovo incarico dell’Ing. Luca Attias come Commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale.
Conosciamo molto bene Luca, che in questi anni abbiamo anche pubblicato notizie proprio sul suo eccezionale ed encomiabile impegno per il nostro paese.
Non possiamo che ricordare quando Ing. Luca Attias, tramite il suo Ente Corte Dei Conti, accolse la nostra richiesta di aiuto, per la donazione di pc al centro anziani Settecamini, dove ebbe inizio (e tutt’oggi continua) il progetto “L’Angolo Del Computer”  http://settecamini.blogspot.com/2013/03/langolo-del-computer-una-vera-realta.html con il quale si stanno rendendo i centri anziani tecnologici, il tutto tramite la realizzazione di sale computer a costo zero recuperando pc, ed attivare corsi gratuiti di computer.
Proprio su quel progetto, che l’Ing. Luca Attias venne alla presentazione che fu una grande festa http://settecamini.blogspot.com/2013/10/porte-aperte-alla-tecnologia-il.html un primo evento tecnologico in un centro anziani.
La corte dei conti, proprio su questo progetto sociale e di vero volontariato che nei mesi successivi donò diversi pc che stava dismettendo, nel quale abbiamo realizzato numerose sale computer in alcuni centri anziani, tra cui San Basilio, Pietralata, Balduina, Cinquina, Conca D’Oro, e tanti altri ancora.
Luca è un uomo che non solo in questi anni ha dimostrato grande competenza in materia tecnologica, ma anche competenza manageriale, elemento fondamentale per la PA ma soprattutto conosce le problematiche della PA italiana e come si possono applicare soluzioni per rendere il nostro paese migliore sul piano digitale e perché non gestionale, offrendo alla cittadinanza ed imprese servizi PA efficienti.
Prende il posto di Diego Piacentini, che in questi due anni, ha svolto un lavoro eccezionale, facendo fare al nostro paese un passo in avanti, eredità importante, perché anche il numero due di Amazon, con esperienza e visione ampia è raro da sostituire, ma Luca proprio per le sue competenze e quello che ha dimostrato in questi anni, anche al Forum PA, è la persona giusta e riteniamo anche l’unica che possa sostituire in maniera degna e professionalmente Piacentini.
Siamo certi che Luca era l’unico che poteva coprire questo ruolo, perché il nostro paese sotto l’aspetto digitale, che anche i giornalisti e tv non sanno, ci troviamo in una situazione di forte arretratezza, e proprio come ha detto più volte Attias, non si possono risolvere i problemi, se prima non risolviamo il ritardo digitale.
Solo con il digitale, e soprattutto con una PA efficiente che fa uso adeguato della tecnologia, che possiamo dare al nostro bel paese, quella crescita e sviluppo di cui ha bisogno.
Siamo contenti di questo ruolo, ed auguriamo a Luca Attias e tutto il suo staff, i nostri migliori auguri di ottimo lavoro.
Una scelta migliore non poteva essere se quella di avere alla guida una persona come Luca.
Siamo certi che farà grandi cose.