lunedì 15 settembre 2014

Intervista a Luca Attias





Luca Attias si è laureato in Ingegneria Elettronica presso la Sapienza di Roma e ha successivamente conseguito il master in Ingegneria dell’Impresa all’Università di Tor Vergata. Dopo la laurea ha lavorato presso la Datamat SpA dove, nell’ambito di commesse legate soprattutto a sistemi real time nel settore avionico e satellitare, ha partecipato per diversi anni a gruppi di lavoro internazionali. Dal 1999 è impiegato presso la Corte dei Conti dove attualmente opera come Dirigente Generale della Direzione Generale dei sistemi informativi automatizzati. Ha una esperienza diretta e approfondita di tutte le fasi del ciclo di vita del software e dei sistemi informativi e nella conduzione di progetti complessi. In particolare, ha ottenuto risultati significativi in relazione all’utilizzo di tecnologie innovative sia sull'hardware che sul software, al miglioramento dei servizi al cittadino, nonché all’abbattimento dei costi. Si è impegnato per l’introduzione e lo sviluppo a tutti i livelli di una diffusa “cultura della società dell'informazione”. Ha ottenuto in questi anni un elevato numero di riconoscimenti importanti soprattutto per la capacità di conciliare l’information technology con la managerialità. Le sue interviste e i suoi keynotes pubblicati sul sito del Forum PA e riguardanti soprattutto la managerialità, la meritocrazia, la gestione delle risorse umane e i rapporti di questi temi con l’informatica, sono diventati una specie di “caso” sia per i contenuti altamente innovativi che per il numero di accessi e di commenti.




Oggi alcuni volontari del progetto L’Angolo del Computer ricevono da parte vostra dei pc da donare ai Centri Anziani di Roma. Perché lei ha deciso di avvicinarsi a questo progetto?

Mi sono avvicinato al progetto nel momento in cui Emanuele mi ha inviato una mail in cui spiegava l’idea che aveva in mente. In particolare le parole “volontari” e “donare” unite ad “anziani” e “tecnologia” mi hanno dato una forte motivazione. Gli ultimi due termini poi possono sembrare in antitesi, ma in realtà non lo sono. L’inclusione degli anziani è infatti uno degli aspetti fondamentali dell’evoluzione della società e quindi anche dell’evoluzione tecnologica. E per me che nella vita mi occupo sostanzialmente di tecnologia e che allo stesso tempo cerco di migliorare la situazione del Paese anche dal punto di vista del sociale, della corruzione e di tanti altri aspetti a esso legati, è stato subito evidente come il progetto di Emanuele fosse in sintonia con i miei obiettivi.





Il progetto L’Angolo del Computer è un’iniziativa di volontariato. Cosa ne pensa del volontariato?

Io credo che In Italia ci siano dei problemi enormi in questo momento da vari punti di vista, sia nella politica, nella classe dirigente, ecc. Una delle poche cose sane invece e che funziona abbastanza bene da sempre è proprio il volontariato. Per questo dovrebbe essere un esempio, un modello di vita per tutti e lo Stato dovrebbe assolutamente aiutarlo in un modo completamente diverso da come fa attualmente. Proprio il volontariato dovrebbe diffondere il germe dell’etica all’interno del nostro Stato, che purtroppo in molti casi risulta essere molto individualista. E questo è uno dei problemi più grandi del nostro Paese. Per cui penso che il volontariato in questo momento sia un’ancora di salvezza per l’Italia.




L’Angolo del Computer si occupa prevalentemente di computer e tecnologie. Cosa pensa di questo settore e come vede l’Italia sotto questo aspetto?

Questo è ciò di cui mi occupo quotidianamente. L’Italia purtroppo ha un spread digitale rispetto agli altri partner europei che è spaventoso. C’è un problema enorme che è legato soprattutto alla disorganizzazione e all’incapacità della classe dirigente di gestire anche in modo culturale l’innovazione. Io mi occupo molto in questo senso anche della cultura, della digitalizzazione che come dico spesso non deve essere nel bagaglio di pochi, ma in quello di tutti. Il digital divide non è solo fornire computer, ma associare alla consegna di infrastrutture tutta una serie di altri servizi, in primis culturali e poi di tipo pratico che includano tutti i cittadini. E questo è ciò che fanno i volontari, che non si limitano a procurare i computer, ma seguono anche l’evoluzione dell’utilizzo di questi strumenti. Il fatto è che in Italia molte scelte vengono fatte senza cognizione di causa da quel punto di vista. Si dovrebbe agire sia sul piano culturale sia sulla digitalizzazione, partendo ovviamente dalle scuole, sia su altri aspetti che sono legati all’etica. Le due cose poi vanno molto insieme.





In questa bottiglia vogliamo lasciare un messaggio sperando che qualcuno lo riceva. Cosa ci suggerisce di scrivere?

Io cito spesso una frase di Nelson Mandela: “sembra sempre impossibile finché non viene fatto”. Sostanzialmente è un invito a non arrendersi mai. Mandela è uno dei simboli di questo pianeta, poiché ha cambiato delle cose che sembrava impossibile cambiare. Secondo me in Italia bisogna acquisire questa mentalità. Provare a cambiare veramente delle situazioni che in questo momento versano in un tale stato di drammaticità da ritenere impossibile poterlo fare. E invece se ci si prova forse ci si riesce.

Un messaggio che sicuramente non fa che incoraggiare sia i volontari de L’Angolo del Computer che le volontarie delle Ragazze Tecnologiche a proseguire nel loro audace cammino.




Qui il video pensiero.



107 commenti:

  1. L'ing. Attias ha stupito anche stavolta !

    RispondiElimina
  2. Ennesima grandissima intervista di Luca Attias, tanto di cappello !

    RispondiElimina
  3. Una bella risposta a tutti coloro che ritengono che basti stendere delle fibre ottiche per colmare il digital divide. C'è più in questa intervista che in tante belle dichiarazioni degli pseudoscienziati del digital divide.

    RispondiElimina
  4. Grande Luca non sbagli un colpo !

    RispondiElimina
  5. La rinascita del nostro Paese non può che passare dal sociale e questo attias lo ha capito da un pezzo, l'importante è che riesca a diffondere il più possibile questo messaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patrizio,
      Ing. Luca Attias è una guida molto importante e ne siamo felici di questa sua intervista.

      Elimina
    2. Come dire: la civiltà di un Paese si misura anche dall'inclusione degli anziani nel digitale !

      Elimina
    3. Marco d'accordo con te, oggi tutti devono poter utlizzare il digitale, ed abbiamo notato questa esclusione da parte degli anziani. Crediamo fortemente in questo cambiamento perchè solo così l'Italia crescerà.

      Elimina
  6. Gente così dovrebbe rappresentarci in Parlamento !
    Complimenti vivissimi !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordissimo con Carlo, gente come l'Ing. Luca Attias sta bene in ogni posto.

      Io propongo di clonarlo :-)

      Elimina
  7. Non se ne più con questo signor. attias basta !!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Anonimo,
      se Ing. Luca Attias è molto "visibile" su internet un motivo ci sarà? E' un esempio per tanti dirigenti della PA, ma non solo, una guida per tutti, un vero mentore.

      Elimina
  8. Mi auguro veramente per i nostri figli che chi si sta occupando della "buona scuola digitale" abbia la consapevolezza di cosa è l'informatica.
    Comunque grandi complimenti al mitico ing. Attias.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ugo,
      lavorando da diversi anni nel campo IT, posso dire che in Italia ancora l'informatica non è nata, per questo credo e spero che i prossimi anni bisogna investire nella formazione e soprattutto riconoscere chi davvero sa farla bene. Ing. Luca Attias è un esempio per tutti.

      Elimina
  9. Della sua intervista mi fa piacere sottolineare due passaggi separati temporalmente ma molto vicini tra loro: quando parla della cultura dell'etica e quando, nel finale, si auspica un paese migliore in cui far crescere i nostri figli.
    Non possiamo più illuderci che ci possa essere un futuro migliore se non ripristiniamo (se mai c'è stata) una cultura dell'etica e della legalità (aggiungo io).

    RispondiElimina
  10. Eccezionale umanità !

    RispondiElimina
  11. Un dirigente della PA italiana che cita Mandela è sicuramente uno con una marcia in più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lella d'accordissimo con te, anche se il modo chiaro e mirato di parlare conferma la grandezza di questo uomo.
      Se ci fosse in ogni struttura della PA uno come lui, l'Italia sarebbe al primo posto mondiale.

      Elimina
  12. L'ho postato sul blog del Forum PA ma voglio inserirlo anche qui:
    Credo che il fatto che l'ing. Attias venga considerato prima un grande uomo piuttosto che un grande manager o un grande leader o un grande tecnico sia il suo principale punto di forza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao AlbertoSAL,
      grazie per la tua condivisione.

      Elimina
  13. Non credo che dopo la nomina di Attias a Ministro per l'innovazione risolveremmo i grandi problemi di questo sciagurato Paese, perchè in realtà la sua nomina vorrebbe dire che la maggior parte dei problemi li avremmo già risolti !
    Grande Luca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca,
      credo che Ing. Luca ATtias, solo per il suo approccio al lavoro e doti organizzative può dare una svolta.
      In Italia poi c'è troppa corruzione e clientalismo.
      Avanti tutta con Attias

      Elimina
  14. Sul blog del Forum PA http://saperi.forumpa.it/relazione/attenta-alle-persone si parla con insistenza e grande positività di questa intervista, andatevi a leggere tutti i post.

    RispondiElimina
  15. Ragazzi voi con l'aiuto anche di Attias avete realizzato quella che si chiama una best practice che deve essere diffusa e copiata il più possibile.
    Grandi complimenti a voi e a quel grande personaggio che è Luca Attias.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gino,
      in effetti non avevo pensato a questo, ora che ci penso davvero è un ottima best practive quella che abbiamo realizzato. Ci aiuti a farlo conoscere a quante più persone possibili?
      Grazie per l'apprezzamento che ci fa molto piacere.

      Elimina
  16. Veramente una bellissima intervista densa di contenuti e un grandissimo pensiero finale.

    RispondiElimina
  17. Basta con i politici fannulloni, vogliamo Luca Attias Ministro dell'innovazione !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci piacerebbe a tutti, speriamo che prima o poi avvenga.

      Elimina
  18. Che fico sarebbe avere un dirigente così !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jessica, sarebbe bello uno come lui in tutti gli uffici d'Italia.

      Elimina
    2. Purtroppo l'ing. Attias è l'eccezione e non la regola.

      Elimina
  19. Consiglio a tutti una visita sul blog di Attias nel portale del Forum PA http://saperi.forumpa.it/relazione/attenta-alle-persone dove si è sviluppato un interessantissimo dibattito sulla scuola digitale.
    Quanto all'intervista posso solo dire che tutto ciò che tocca Luca Attias diventa oro.

    RispondiElimina
  20. Speriamo che una best practice come la vostra venga imitata da più persone possibili, bravissimi.
    Complimenti anche a Luca Attias che ha dato l'ennesima dimostrazione di umanità e maturità.

    RispondiElimina
  21. Inserisco un commento che oggi il galleggiante ha messo sul blog del Forum PA:
    Oggi mi sento leggero, diciamo pure che sono un supergalleggiante, e allora ho deciso di far emergere un post di Sergio da Roma (che anche oggi c'ha deliziato con i suoi capolavori) che al rischio, ipotizzato da qualcuno, che Luca Attias non partecipasse al Forum PA 2014 scrisse:
    "er Forum PA senza Attias è come a Roma senza Totti"
    Non voglio lasciarvi però solo divertiti ma voglio anche farvi riflettere e in qualche modo dare una mano al dott. Sismondi. Vi chiedo quindi cosa potrebbe proporre l'ing. Attias al prossimo Forum PA ?

    RispondiElimina
  22. Ci tengo a fare i complimenti anche alla giornalista (immagino sia quella della prima foto) perchè l'intervista è veramente ben scritta, molto meglio di tante interviste che appaiono nei quotidiani.
    Luca Attias ha oramai acquisito una sicurezza.da showman navigato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao MarioCN,
      le tue parole sono molto belle, grazie per i complimenti, facciamo del nostro meglio e come hai scritto tu, le persone dimostrano forti competenze.
      La ragazza nella foto è lei, e siamo certi che andrà molto lontano.
      Grazie per la stima.

      Elimina
  23. Alcuni passaggi dell'intervista evidenziano una umanità veramente molto rara che credo sia anche alla base del successo dell'ingegnere.

    RispondiElimina
  24. Siamo un Paese da salvare, speriamo di aver trovato il nostro Mandela !

    RispondiElimina
  25. Ciao Rossella,
    qualche mese fa, prima di conoscere L'Ing. Luca Attias, pensavo che per il nostro paese non c'era futuro, ed invece da quando ho conosciuto Luca Attias, mi sono dovuto ricredere, c'è speranza, possibilità di un paese sviluppato.

    RispondiElimina
  26. Complimenti splendida intervista.
    Jenny

    RispondiElimina
  27. Luca Attias dice sempre che questo Paese può cambiare se tutti capiamo che facendo qualcosa per gli altri facciamo del bene anche a noi stessi. Credo che sia un messaggio molto importante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elenca condivido pienamento quanto hai scritto, un messaggio davvero importante e di riflessione.

      Elimina
  28. L'inclusione degli anziani nella società civile è considerata priorità assoluta da noi negli States, per questo le vostre iniziative sono un modello per tutti gli italiani. Bravissimi.

    RispondiElimina
  29. Emanuele ci mancano i tuoi mitici post sul blog del Forum PA
    http://saperi.forumpa.it/relazione/attenta-alle-persone
    perché non fai scrivere anche alle ragazze che ora lavorano con te la loro esperienza nel blog stesso ?

    RispondiElimina
  30. Apprezzo il coraggio di Attias anche nel parlare delle inefficienza dovute ad una pessima classe politica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Ing. Luca Attias ha evidenzato un punto importante ,la pessima classe politica, per questo ritengo che tali personaggi devono svolgere l'attività in forma di volontariato, invece restano li per anni ed anni.

      Elimina
  31. Quando ho sentito al telegiornale che l'Italia è al 28° posto su 37 ho avuto ulteriore conferma dei danni che la nostra politica ha prodotto negli ultimi anni. Se non cambia l'approccio strategico avremo un paese sempre meno competitivo non saremo più credibili. Io vedo l'effetto diretto sulla scuola, lavorando lì, ma credo che in tutti i campi sia visibile l'effetto. Come dice l'ing Attias dobbiamo far rinascere la cultura e non solo quella digitale.

    RispondiElimina
  32. Credo che purtroppo il dott. Attias non riuscirà a fare la carriera che merita finchè non si iscriverà ad un partito politico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuliano in effetti in Italia molti dirigenti (basti vedere Comune e Municipio) sono scelti su colore politico. Credo che può fare carriera Ing. Luca Attias anche senza bandiera politica, è una persona eccezionale. Certo oggi come oggi vedere questo paese andare sempre peggio con un alto potenziale ed una storia da far invidia a tutti i paesi del mondo è davvero triste.

      Elimina
  33. Sapete niente come si può seguire la performance dell'ing.. Attias a Capri ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria,
      purtroppo solo partecipando di persona, on line al momento non è possibile. Come so qualcosa informo.

      Elimina
  34. Peccato mi sarebbe piaciuto molto poterlo seguire direttamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, ma ci sarà occasione almeno su Roma.

      Elimina
  35. Credo che comunque il contributo qualche giorno dopo verrà messo su youtube, almeno gli anni scorsi facevano così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima questa notizia Luigi,
      non vediamo l'ora che venga messa on line la sessione dell'Ing Luca Attias.

      Elimina
  36. Guardate che commenti sono stati inseriti sotto a questi due articoli.
    http://www.corrierecomunicazioni.it/pa-digitale/29939_madia-la-pa-italiana-sara-digital-by-default.htm
    http://www.corrierecomunicazioni.it/pa-digitale/29932_de-brabant-cambiare-per-cambiare-solo-cosi-si-fa-l-italia-digitale.htm
    Contribuiamo anche noi.

    RispondiElimina
  37. Il successo di Luca continua ad aumentare di giorno in giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Francesca,
      c'è forte entusiasmo attorno all'Ing. Luca Attias, che aumenta di giorno in giorno.
      Persona eccezionale

      Elimina
    2. Luca Attias è sicuramente un dirigente, anzi un manager di livello assoluto, ma una cosa che ho notato è che è stimato (direi quasi adorato) da un numero enorme di funzionari ma da pochissimi colleghi dirigenti che vuoi per invidia, vuoi per motivi pseudosindacali o corruttivi se potessero lo farebbero fuori molto volentieri (in senso buono :-)).

      Elimina
  38. Leggetevi l'editoriale del dott. Sismondi ci sono molti punti comuni con l'ing. Attias http://saperi.forumpa.it/story/87559/il-grasso-che-cola

    RispondiElimina
  39. In bocca al lupo ing. Attias per l'evento di Capri. Faccia capire all'industria che anche nella tanto bistrattata Pubblica Amministrazione ci sono persone all'altezza e che si dannano l'anima tutti i giorni e che se stiamo in queste condizioni non è solo colpa nostra.

    RispondiElimina
  40. Qualcuno di voi ha qualche anteprima dell'intervento di Attias?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Martinetti,
      al momento non lo sappiamo, appena è possibile daremo notizie.

      Elimina
  41. Una piccola anticipazione, da non perdere e da diffondere il più possibile:
    https://www.youtube.com/watch?v=gn6_GZbCOck

    RispondiElimina
  42. Credo abbiano pubblicato una nuova intervista all'ing. Attias su youtube

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta,
      qui https://www.youtube.com/watch?v=xWuRbvgyr3s#t=11 altro contributo. Luca Attias è la nostra guida.

      Elimina
  43. Ecco un primo piccolo contributo di Luca a Capri
    https://www.youtube.com/watch?v=gn6_GZbCOck

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Irene per la segnalazione.
      Ottimo.

      Elimina
    2. L'intervista è veramente molto bella e Luca è anche qui in piena forma !

      Elimina
    3. Emanuele diffondiamo il più possibile l'intervista. Uno che dice che se la scuola oggi non è digitale non è scuola è un genio !

      Elimina
  44. Si dice che Luca Attias sia stato il relatore più applaudito in quel di Capri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che Ing. Luca Attias sul palco fa scatenare tantissimo applausi è fantastico.

      Elimina
  45. Era Febbraio del 2014 quando, l'attuale presidente del consiglio, ebbe l'incarico e dopo poco formò il nuovo governo. Il grande interesse era, vista la propensione dello stesso premier all'uso degli strumenti social, cosa sarebbe successo all'agenda digitale considerata oramai da tutti, nessuno escluso, una vera priorità per l'Italia sia per recuperare il più che certificato ritardo verso l'attuazione delle indicazioni dettate dall'Agenda Digitale Europea, sia come possibile motore d'innovazione oltre che potenziale motore di spending review e generazione di posti di lavoro.

    Passò quindi qualche mese, ma succedeva poco o niente, se non confermare quello che il precedente governo aveva già pianificato: Fattura Elettronica, Anagrafe Unica, Identità Digitale. Niente di nuovo se non qualche slogan sul futuro Pin Unico. Anche l'avvio del processo telematico civile non è merito di questo governo. Sulla sanità niente, le regioni che vanno in ordine sparso e cosi via.

    La prima vera novità arrivò con le dimissioni di Ragosa. Quindi partii il toto sostutito con call online indetta dal Ministro Madia. Dobbiamo aspettare l'evento Digital Venice per apprendere che Alessandra Poggiani sarà la nuova DG di AgID. Cominciamo a contare: 1a nomina. Poi arriva, scusatemi se mi può sfuggirmi l'ordine cronologico, il completamento della squadra AgID. Stefano Quintarelli Presidente del Comitato d'Indirizzo (2a nomina), Paolo Barberis consigliere all'innovazione (3a nomina), Paolo Coppola consulente personale dello stesso Ministro (4a nomina). Recentemente viene istituito il Tavolo permanente per l'innovazione presieduto dallo stesso Coppola che però si avvale di altre 12 persone (nomi non pubblici ma sono altri 12 nomi). Poi arriva anche e finalmente il Digital Champion Riccardo Luna (17a nomina). Torniamo si AgID, abbiamo un presidente del comitato d''indirizzo (@quinta) ma mancano i componenti della squadra che sono: Ernesto Belisario, Flavia Marzano, Francesco Sacco, Luca De Biase, Diego Ruffini, Eugenio Prosperetti, Paolo Coppola, Massimo Mantellini, Dianora Bardi, Lorenzo Benussi. In tutto altre 9 nomine, senza contare l'ennesimo ruolo di Paolo Coppola, siamo arrivati a 26 nomine. Non c'è nessun giudizio di valore su nessuna delle persone indicate, c'è solo un quantificazione. Punto. C'è solo una forte aspettativa di vedere i risultati di una squadra di 26 persone al lavoro per un unico obiettivo.
    Ovviamente Luca Attias non fa parte dei 26.

    RispondiElimina
  46. Non andremo mai da nessuna parte se continuiamo a dare poltrone per motivi che esulano dalle competenze.

    RispondiElimina
  47. Consiglio a tutti la visione dell'ultimo contributo dell'ing. Attias su youtube:
    https://www.youtube.com/watch?v=gn6_GZbCOck

    RispondiElimina
  48. E' nella capacità d'integrazione e di cooperazione che in questi anni abbiamo dato il peggio di noi ed è proprio su questi aspetti che possiamo e dobbiamo risalire.

    RispondiElimina
  49. Ma l'intervento completo fatto a Capri sapete se è stato pubblicato ?

    RispondiElimina
  50. Come al solito Luca non sbaglia un colpo.
    Giulio

    RispondiElimina
  51. Perché non pubblicate anche voi l'ultima intervista dell'ing Attias ?
    https://www.youtube.com/watch?v=gn6_GZbCOck

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lino, ieri abbiamo pubblicato la notizia eccola http://settecamini.blogspot.it/2014/10/luca-attias-intervista-cambiare-x.html ciao e grazie per la segnalazione,

      Elimina
  52. Grazie Emanuele, scusa ma non me ne ero accorto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lino,
      non ti preoccupare, grazie a te per la segnalazione.

      Elimina
  53. Ma perché uno così bravo non lo invitano mai nei format televisivi ? ci sono sempre le stesse persone che non dicono niente di concreto.

    RispondiElimina
  54. Ciao Giuseppe,
    secondo me non viene invitato uno come lui, perchèe dicendo la verità fa male. Purtroppo in Italia si tende sempre a fare le cose non trasparenti, e se vengono alla luce certe cose fanno male.
    Comunque speriamo di vederlo come Ministro.

    RispondiElimina
  55. è verissimo quello che dici Emanuele. La politica e la televisione hanno paura di uno come Attias che ha il coraggio di dire sempre la verità, come in questa bellissima intervista.

    RispondiElimina
  56. Molto interessante !

    RispondiElimina
  57. Sono da anni una ammiratrice di Luca Attias. Avrei aver avuto la fortuna della giornalista che lo ha potuto intervistare ma allo stesso tempo debbo ammettere che è stata veramente bravissima. Io mi sarei emozionata tantissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona,
      splendido commento, questo tuo pensiero ci riempie il cuore di gioia.

      Elimina
  58. Se trovi un manager competente e anche umile devi cercare di sfruttarlo il più possibile per il bene del Paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco qui https://www.youtube.com/watch?v=xWuRbvgyr3s#t=11 il video di Luca Attias a Capri 2014, buona visione

      Elimina
  59. Una piccola curiosità: spigolando sul sito di Between sono presenti solo gli interventi oltre a De Brabant quelli di Delrio, Madia e...Attias...lascio a voi le valutazioni.

    RispondiElimina
  60. Luca Attias è proprio una brava persona !

    RispondiElimina
  61. Quanto avrei dato per stare al posto dell'intervistatrice.

    RispondiElimina
  62. Cosa si prova ad intervistare una persona così importante e affascinante ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La giornalista è rimasta molto contenta e colpita dell'ing Luca Attias.

      Elimina
  63. Forse esagero ma Luca Attias potrebbe essere il nostro Mandela.

    RispondiElimina
  64. Tutti a leggere il post dei 10.000 di Luca Attias sul blog principale !

    RispondiElimina
  65. Secondo me avete intervistato quello che tra qualche anno sarà il nuovo Presidente della Repubblica ..........

    RispondiElimina
  66. Ma lo sa la giornalista che ha intervistato la persona più famosa di tutta la Pubblica Amministrazione italiana ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di si, anzi è stata molto contenta. Ing. Luca Attias è una persona meravigliosa con doti umani incredibili.

      Elimina
  67. Guardate un pò qua ............ http://www.corteconti.it/export/sites/portalecdc/_documenti/approfondimenti_studi/affari_generali/curricula/CV-Attias.pdf
    TANTI AUGURI GRANDE SOGNATORE !
    Ancora un anno e potrò (teoricamente) realizzare il mio di sogno ...........
    Confesso alla comunità che questo post me l'ero preparato diversi mesi fa .............. e non vedevo l'ora di scriverlo.

    RispondiElimina
  68. Mi piacerebbe che Luca Attias venisse intervistato anche dagli anziani digitalizzati !

    RispondiElimina
  69. Ho visto su internet il ruolo e gli impegni che ha il dott. Attias, pensare che abbia trovato il tempo per questa intervista sembra quasi impossibile, Veramente una grande persona.

    RispondiElimina
  70. Ho lavorato con lui per anni e vi posso assicurare che non è solo un grande ingegnere ma è soprattutto un grande uomo.

    RispondiElimina
  71. Veramente una bella intervista.

    RispondiElimina